Ripensamenti e segretezze di uno scienziato galileiano

    da culturabarocca Alessandro Marchetti (1633-1714), scienziato galileiano, fu autore della tormentata e bellissima traduzione del De Rerum Natura di Lucrezio che, tra ripensamenti e segretezze, venne realizzata con “timore e tremore” come all’epoca soleva dirsi. E l’espressione “timore e tremore”, che si riscontra in Lettere di San Paolo, sia nella Lettera ai Filippesi,…

Il Celivago, fondatore dell’Accademia dei Lincei

Fonte: Wikipedia Federico Cesi nasce a Roma, nel palazzo di via della Maschera d’Oro, il 26 febbraio 1585 da Federico, marchese di Monticelli (dal 1588 primo duca di Acquasparta, in provincia di Terni in Umbria, e dal 1613 principe di San Polo e di Sant’Angelo), e da Olimpia Orsini di Todi. Primogenito maschio di undici…

Il “Forestiero Idrontino”

Stemma dell’Accademia degli Incogniti Fonte: Wikipedia Andrea Peschiulli (Corigliano d’Otranto 1601 – Roma 1691), letterato di vasta cultura umanistica e giuridica, visse in numerose città italiane. A Napoli fu segretario dei signori di Corigliano (che dovette abbandonare quando la famiglia perse il favore del viceré) e poté frequentare personalità come Tommaso Campanella. Si trasferì poi…

L’abate Girolamo Ghilini, accademista

Su Girolamo Ghilini, cui Aprosio dedicò un capitolo indubbiamento “pepato” quanto significativo già dal titolo ovvero Della Barbarie di Castrar gli Huomini della sua Grillaia oltre che il capitolo XIV del mai pubblicato Scudo di Rinaldo II parecchie notizie bibliografiche si debbono ad Enrico Perotto che scrisse di lui: “Girolamo Ghilini (Monza 19 maggio 1589…

Aprosio, Cavaliere Aurato e Conte Palatino

Qui sopra appare il diploma originario di Aprosio fatto CAVALIERE AURATO E CONTE PALATINO, documento già editato nell’opera del 2008 L’Aprosiana Sconosciuta dello scrivente, che permette anche di analizzare il rapporto aprosiano con l’ACCADEMIA DEI GENIALI DI CODOGNO (LO). Data l’epoca durissima in cui viveva Aprosio aveva dimestichezza con le calamità esistenziali e non, comprese…

Mademoiselle de Scudéry

  Fonte: Wikipedia Madeleine de Scudéry (Le Havre, 15 ottobre 1607 – Parigi, 2 giugno 1701) è stata una scrittrice francese. “Saffo” fu il soprannome dato, secondo la moda del tempo, a questa donna di lettere, abituale frequentatrice dell’Hôtel de Rambouillet prima di aprire, nel 1652, un proprio salotto letterario che diede a lungo il…

L’Aprosiana poco dopo l’Aprosio

Come appare scritto in questo saggio critico le considerazioni gandolfiane sul suo LAVORO ALL’APROSIANA estratte dai Fiori Poetici datano al 1682 e quindi abbastanza presto: sostanzialmente ci dicono che anteriormente al suo allontanamento da Ventimiglia e ad un solo anno dalla morte di Angelico Aprosio egli aveva fornito nuovi scaffali per la biblioteca e che…

Polemiche letterarie nella Venezia del Seicento

Nel capitolo I de La Sferza Poetica, intitolato a Pietro Michiele (anche Michiel), l’Aprosio disserta, con parecchi spunti pungenti ed anche di critica personale, sull’incapacità presunta di valutare correttamente il regolismo aristotelico in merito alla tragedia ed all’epica con specifica attenzione alla superiorità della tragedia sull’epica: in particolare egli rammenta l’opera del poeta Giovanni Giorgini…