Carlo Cartari, archivista di Castel Sant’Angelo

da culturabarocca Carlo Cartari (1614-1697), orvietano, criminalista e letterato, archivista di Castel Sant’Angelo e bibliotecario dell’Altierana di Roma, fu importantissimo corrispondente di Aprosio e pure illustre membro d’Arcadia, appartenne ad una celebre famiglia di criminalisti, di cui parla abbondantemente il menzionato Aprosio nel suo repertorio bibliografico dei fautori della biblioteca intemelia. Cartari ricoprì anche la…

Francesco Redi e l’invenzione degli occhiali

    LETTERA INTORNO ALL’INVENZIONE DEGLI OCCHIALI scritta da Francesco Redi all’Illustrissimo Paolo Falconieri Multa inveniuntur hodie quae apud maiores nostros non fuere inventa (Gal. 14, Meth. 17) [edita a Firenze nel 1678 per i tipi di ] Illustrissimo Signore, Quella sera, nella quale il Sig. Carlo Dati, di celebre memoria, nel palazzo del Sig.…

L’Aprosiana poco dopo l’Aprosio

Come appare scritto in questo saggio critico le considerazioni gandolfiane sul suo LAVORO ALL’APROSIANA estratte dai Fiori Poetici datano al 1682 e quindi abbastanza presto: sostanzialmente ci dicono che anteriormente al suo allontanamento da Ventimiglia e ad un solo anno dalla morte di Angelico Aprosio egli aveva fornito nuovi scaffali per la biblioteca e che…

Polemiche letterarie nella Venezia del Seicento

Nel capitolo I de La Sferza Poetica, intitolato a Pietro Michiele (anche Michiel), l’Aprosio disserta, con parecchi spunti pungenti ed anche di critica personale, sull’incapacità presunta di valutare correttamente il regolismo aristotelico in merito alla tragedia ed all’epica con specifica attenzione alla superiorità della tragedia sull’epica: in particolare egli rammenta l’opera del poeta Giovanni Giorgini…

Cassiano dal Pozzo

 Cassiano dal Pozzo (1588-1657) fu Coppiere pontificio, ministro delle arti e della cultura umanistica e scientifica della Santa Sede e mecenate. Intorno a lui si costituì un prezioso cenacolo di artisti e filosofi, come lo stesso Poussin, Pietro da Cortona (Berrettini), Caravaggio e uno scienziato come Galileo, di cui Cassiano divise il culto per la…

Prodromi di istruzione pubblica nel Seicento

A Ventimiglia (IM) la Biblioteca Aprosiana è un monumento straordinario e non solo per i libri rari e talora unici del Fondo Antico, ma in forza del fatto che fu la Prima Biblioteca Pubblica di Liguria finendo per costituire un passo importante nella democratizzazione della cultura che Aprosio voleva aperta a tutti non solo ai…

Quando si credeva che la vista del sangue versato facesse scoprire gli assassini

 NELL’IMMAGINE SOPRA PROPOSTA SI VEDE L’INCIPIT DELL’OPERA (CONTENUTA NEL CORPUS DEL TEATRO SIMPATETICO [PP.534-566]) DEL RELIGIOSO DI SPOLETO, INSEGNANTE DI MEDICINA NEL “GINNASIO ROMANO” PETRUS SERVIUS (PIETRO SERVIO). IMPORTANTI SONO LE SUE CONSIDERAZIONI, PRO E CONTRO IL VALORE DI POLVERE SIMPATETICA ED UNGUENTO ARMARIO, MA, NEL CONTESTO, ASSUME ANCHE GRANDE RILIEVO (SPECIE NEL CAMPO DELL’INVESTIGAZIONE…

Un grande cartografo ed incisore del Seicento

Giacomo Lauro, nato nel 1585, romano come amava precisare a completamento della sua stessa firma, fu uno straordinario cartografo, incisore ed editore attivo a Roma sino al 1585 mediamente ritenuto l’anno della sua morte, pur se alcuni interpreti, rifacendosi a specifiche fonti storiche, la postdatano al 1650. Data la fama del personaggio in questione stupisce…

De salubri potu dissertatio

DA RACCOLTA PRIVATA – UN ESEMPLARE DI QUESTA RARA OPERA FU AGGIUDICATO NELL’OTTOBRE 1997 ALL’ASTA SOTHEBY’S DI LONDRA PER UNA SOMMA EQUIVALENTE A 20.000 EURO Alla Biblioteca Aprosiana [di Ventimiglia (IM)] si conserva un’autentica rarità (sia per il limitatissimo numero dei volumi noti sia per alcune postulazioni sorprendenti) e, precisamente, si tratta di: Francisci Scacchi…