Il giardino di Frate Angelico: dal tabacco al tè

 

Pietro Loi [di Ventimiglia (IM): fu anche un valoroso patriota nella Resistenza], che fu veterinario e naturalista (ricordiamo alcuni suoi importanti contributi in seminari, nazionali e non, alle contaminazioni del pesce ad opera del mercurio), con lo pseudonimo di Pier delle Ville scrisse vari contributi (notevoli ed usati in varie parti di Cultura-Barocca) nel contesto dell’Aprosiana, più specificamente con il nome di “Quaderni dell’Aprosiana” [sempre di Ventimiglia (IM)], rivista di “Studi Barocchi”, a lungo diretta da Bartolomeo Durante.  Autore, inoltre, di un volume, quale ideale culmine di una serie di altri articoli e monografie, su Matteo da Viterbo, pittore dei papi avignonesi, con osservazioni pregnanti su Petrarca, Laura de Noves e naturalmente Valchiusa.
In merito alla rivista Aprosiana  è da dire che spiccano, editi postumi nel numero del 1995 per la sua repentina scomparsa, alcuni altri saggi di Pietro Loi assai interessanti, in gran parte digitalizzati o ampiamente citati qui su Cultura-Barocca.

da  Cultura-Barocca

Il giardino di Frate Angelico: dal tabacco al tèultima modifica: 2019-02-25T10:55:07+01:00da amaini
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento